96869415KR350_F1_Grand_Prix.jpg

Jaime Alguersuari ha messo oggi in carniere i suoi primi punti in F1, classificandosi nono nel Gran Premio della Malesia, mentre il suo compagno di squadra, Sébastien Buemi, ha concluso la gara all’undicesimo posto.

“Che noia... parlami un po!”. Ecco le parole rivolte da Jaime Alguersuari (oggi a punti) al suo ingegnere, quando mancavano circa 20 giri al termine del Gran Premio della Malesia, che ha poi concluso al nono posto, mentre Sébastien Buemi si è classificato undicesimo. Vero è che il nostro giovane spagnolo era preoccupato di smarrire la concentrazione, ma le sue parole non riflettevano del tutto la verità, considerato che nel corso dei 58 giri di quest’appassionante gara ha dato vita a diverse battaglie in pista. Spettacolo ce n’è, così, stato in abbondanza anche se per una volta sulla pista di Sepang non è caduta la benché minima goccia di pioggia. Non ce n’è stato bisogno.

Nel corso del primo giro, Jaime è risalito dal 14° posto sullo schieramento all’undicesima posizione, grazie anche al fatto che aveva campo sgombro davanti a sé, visto che De La Rosa non si è schierato. Dopo la sua prima sosta, al 19° giro, ha superato anche la Renault di Petrov e, poi, ha portato a termine un incredibile sorpasso ai danni di Hulkenberg (Williams). Era solidamente installato al decimo posto, e quindi già nei punti, quando nelle battute finali di gara il ritiro improvviso di Alonso, con la Ferrari, lo ha promosso in nona posizione consentendogli d’un colpo di raddoppiare il proprio (ed anche della squadra) bottino di punti.

La giornata è stata più dura, invece, per Sébastien, che nell’afosa Sepang si è trovato, pochi attimi dopo il via, di nuovo –dopo il tamponamento subito a Melbourne- sulla stessa strada della Sauber di Kobayashi. Il risultato del contatto è stato che l’ala anteriore della monoposto del pilota elvetico è stata danneggiata, provocando un calo d’aderenza ed un fastidioso sottosterzo, cui la squadra ha potuto porre rimedio solo al momento della seconda sosta ai box, quando è stato sostituito il musetto della sua STR5. Dopo di ché, i suoi tempi sul giro sono calati nettamente, ma alla fine ha dovuto accontentarsi dell’11° posto, cioé d’un soffio fuori dalla zona punti. Ha comunque partecipato allo spettacolo, riuscendo anche a superare con una bella manovra Barrichello (Williams) nelle fasi finali di gara.

Il primo GP dell’anno, disputato in Bahrain era stato noioso. Aveva, poi, fatto seguito l’Australia, dove anche la pioggia aveva contribuito a pepare un po’ lo spettacolo. Qui in Malesia, però, abbiamo vissuto una gara molto appassionante in perfette condizioni di pista asciutta, anche se la corsa non è stata molto elettrizzante davanti, visto che le due Red Bull Racing hanno dominato la scena. Sebastian Vettel e Mark Webber hanno, infatti, messo a segno un’impressionante doppietta, in quell’ordine, dopo che il tedesco aveva superato il compagno di squadra australiano al via. Nico Rosberg si è classificato terzo con la Mercedes. Molto più entusiasmante è stato, invece, lo spettacolo offerto alle spalle dei primi, grazie anche al fatto che le due Ferrari e la McLaren avevano vissuto un sabato sballato, ed i loro quattro piloti (tra cui tre campioni del mondo) si erano così ritrovati a dover partire dalle retrovie. Dietro ai tre saliti sul podio, la classifica finale ha visto Robert Kubica classificarsi quarto al volante della sua Renault, davanti alla Force India di Adrian Sutil, quinto, ed alla McLaren di Lewis Hamilton, sesto. Felipe Massa con la sola Ferrari al traguardo si è piazzato al settimo posto in sandwich tra le due McLaren, visto che ha preceduto Jenson Button, piazzatosi ottavo proprio davanti al nostro Jaime. L’ultimo punto della giornata è stato assegnato a Nico Hulkenberg con la Williams.

Il settimo posto è stato sufficiente a Massa per issarsi al comando della classifica provvisoria del mondiale Piloti, davanti al suo compagno di squadra, Alonso. Vettel è risalito al terzo posto a pari punti con Alonso ed a due lunghezze di distacco da Massa.
 

Dettagli Articolo