Dani Pedrosa wheelies to victory at teh Sachsenring Red Bull

Dani Pedrosa ha vinto il Gran Premio di Germania dopo una lunga battaglia con Casey Stoner, che è caduto proprio alla penultima curva durante l'ultimo giro, mentre cercava di superare lo spagnolo. I due atleti Red Bull hanno condotto la gara praticamente da soli, ma la caduta di Stoner fa sì che il Campionato del Mondo torni nelle mani di Jorge Lorenzo, arrivato secondo sulla linea del traguardo davanti ad Andrea Dovizioso. 

E' stato un grande duello dall'inizio, e Pedrosa e Stoner hanno dato grande spettacolo, estromettendo dalle loro scintille Ben Spies e Lorenzo sulle due Yamaha Factory.

Sul tracciato del Sachsenring, il pilota spagnolo della Honda Repsol si è imposto al termine di un lungo duello con il suo compagno di squadra. L'australiano Casey Stoner è caduto nell'ultimo giro, nel tentativo di effettuare il sorpasso decisivo.

Lo spagnolo Jorge Lorenzo, in sella alla Yamaha, si è piazzato secondo con un ritardo di quasi 15'' e, complice l'harakiri di Stoner, è il nuovo leader solitario del campionato. Ottima prova di Andrea Dovizioso, terzo in sella alla Yamaha Tech 3. Lontano dal podio, per l'ennesima volta, Valentino Rossi: il 'dottore', con la sua Ducati, si è piazzato sesto, alle spalle della Yamaha dello statunitense Ben Spies e della Honda Lcr del tedesco Stefan Bradl.

L'errore di Stoner ha impedito alla Hrc di mettere a segno una comoda doppietta in una gara letteralmente dominata. Nella corsa a due, Pedrosa ha rotto gli indugi a 12 giri dalla bandiera a scacchi. Complice un errore del compagno, ha messo a segno il sorpasso conquistando la prima posizione. Stoner, dopo un paio di tornate di studio, si è rifatto sotto con decisione ma solo a 4 passaggi dalla bandiera a scacchi ha cercato il primo, vero attacco.

Pedrosa ha continuato a fare il passo davanti a Stoner, mentre Lorenzo ha avuto pista libera davanti a lui per conquistare in tutta tranquillità il podio, troppo distante però dai due leader. Anche l'atleta Red Bull Stefan Bradl con la sua Honda aveva in mano il settimo posto, ma sotto costante pressione portata dalle Ducati di Niki Hayden, Valentino Rossi e la Ducati privata di Hector Barbera.

Crutchlow è stato invece protagonista di un lungo che lo ha portato fuori pista e fatto poi rientrare in gara in 11a posizione, facendogli perdere così la possibilità di lottare per il podio con il compagno di team. Pedrosa è infine riuscito a fare il giro più veloce della corsa al penultimo e al'ultimo giro, mentre Stoner - nel tentativo di superarlo - è scivolato proprio a 2 curve dal traguardo. A seguire quindi, dietro Pedrosa e Lorenzo, hanno tagliato il traguardo Dovizioso, Spies, Bradl, Rossi e Bautista.

Pedrosa ha così commentato la bella vittoria: "abbiamo cambiato tante cose sulla moto per la gara, così non ero molto sicuro di cosa aspettarmi; in un primo momento la moto era un po' strana da guidare,  quindi non ho potuto spingere abbastanza forte come avrei voluto. Poi mi sono sentito più sicuro anche se Casey continuava a starmi dietro. Poi negli ultimi giri ho spinto più forte che potevo e ce l'ho fatta. E' bello vincere dopo secondi e terzi posti, quindi devo dire grazie alla squadra e le persone intorno a me. "

 

Classifica piloti:

  1. Lorenzo 160
  2. Pedrosa 146
  3. Stoner 140 

 

Dettagli Articolo